Lente di ingrandimento sui combustibili: il pellet, guida all’acquisto

Guida all’acquisto del pellet: uno dei combustibili più utilizzati

Che cos’è un combustibile? Un combustibile è una qualsiasi sostanza che viene ossidata nel processo di combustione, sviluppando calore e, talvolta,  radiazioni luminose.

I combustibili usati per il riscaldamento sono diversi e si tende sempre più a trovare quelli che garantiscono risparmio e rispetto dell’ambiente. I più usati sono: legna, pellet, metano e GPL.

Pellet

Il pellet è legno ricavato dalla segatura essiccata e trasformata in cilindretti. I vantaggi derivanti da questo combustibile sono molteplici:

  • Risolvono i problemi di smaltimento degli scarti di lavorazione delle falegnamerie e delle segherie;
  • Riduce l’abbattimento degli alberi la cui legna viene utilizzata come combustibile
  • Detiene il livello di inquinamento più basso in assoluto
  • Garantisce uno stoccaggio migliore rispetto alla legna
  • Garantisce un residuo ceneri basso
  • Garantisce più pulizia e facilità di trasporto rispetto alla legna
  • Garantisce un’autonomia più duratura.

Come scegliere il pellet? Il primo parametro da considerare è il potere calorifico, che varia tra 4,5 e 5,5; più alto è il valore maggiore è il potere calorifico. Un’ulteriore caratteristica da considerare è il residuo ceneri che deve essere inferiore all’1%. Provenendo dal legno è buona abitudine controllare anche la sua provenienza e preferire pellets ottenuti dal faggio e dall’abete. Il colore deve essere simile a quello del legno, qualora presentasse tonalità differenti potrebbe esserci la presenza di vernici, plastica e altro ancora. Un esperimento concreto sulla qualità del pellet è possibile farlo direttamente in casa: si immergono alcuni pellets in un bicchiere d’acqua e se questi ultimi affondano e si sfaldano completamente il pellet è di buona qualità, altrimenti no.

Tuttavia, la caratteristica primaria da tener presente nella scelta del pellet riguarda le certificazioni, deve sempre essere scelto un pellet che abbia acquisito le documentazioni adatte. Una delle certificazioni più importanti è quella dell’ EN PLUS. La certificazione è composta dal marchio e da un numero identificativo composto da due lettere che indicano il paese di provenienza ( Es. IT per Italia) e da tre cifre, i numeri da 0 a 299 individuano i produttori mentre quelli superiori a 300 riconosce gli importatori. Il codice può essere controllato sul sito dell’EN PLUS.

  MARCHIO EN PLUS enplus certificazione

 

 

 

                         

Parametro U.M. ENplus-A11 ENplus-A22 ENplus-B3
Diametro (D) Mm   6(±1) o 8 (±1)  
Lunghezza (L) mm   3.15 ≤L≤40  
Contenuto idrico (M) %tq4   ≤10  
Ceneri (A) %ss5 ≤0,7 ≤1,5 ≤3,0
Durabilità meccanica (DU) %tq ≥97,5 ≥96,5
Particelle fini (<3.15mm) %tq   <1  
Additivi %ss   ≤2  
Potere calorifico inferiore (Q) MJ/kg tq 16,5≤Q≤19 16,3≤Q≤19 16,0≤Q≤19
Densità apparente (BD) Kg/m3   ≥600  
Azoto (N) %ss ≤0,3 ≤0,5 ≤1,0
Zolfo (S) %ss ≤0,03 ≤0,04
Cloro (Cl) %ss ≤0,02 ≤0,03
Arsenico (As) %ss <1
Cadmio (Cd) %ss ≤0,5
Cromo (Cr) %ss ≤10
Rame (Cu) mg/kg ≤10
Piombo (Pb) mg/kg ≤10
Mercurio (Hg) mg/kg ≤0,1
Nickel (Ni) mg/kg ≤10
Zinco (Zn) mg/kg ≤100
Punto di fusione delle ceneri(DT)5 °C ≥1200 ≥1100

 


Scelto per te

Termocamini a legna a confronto: Ecoflame e Iwood

Quando si crede fortemente in quello che si fa e ci si riserva dentro tutte ...

Lascia un commento