pellet bicchiere

Come stabilire la qualità del pellet: la prova del bicchiere

Il pellet, si sa, è ormai uno dei combustibili maggiormente utilizzati per il riscaldamento domestico. Acquistare un pellet di buona qualità è, dunque, diventato indispensabile. Se si vuole ottenere una combustione ottimale, evitando anche di intasare facilmente la macchina, occorre tener conto di diverse caratteristiche: materiale, residuo ceneri, potere calorifico e anche le varie certificazioni. Ma se non si vogliono studiare un bel po’ di numeri e fare diversi confronti, si può definire la qualità del pellet con un semplicissimo esperimento, da fare a casa in tre mosse:

  • Prendere un bicchiere di acqua fredda.
  • Prendere alcuni tocchetti del pellet che si vuole testare.
  • Immergerli, indicativamente, per un minuto.

Ora il pellet può rimanere compatto e non subire alcuna deformazione oppure può sfaldarsi completamente.

Nel primo caso, la compattezza è sinonimo di presenza di collanti chimici, che oltre a poter essere dannosi per la salute, causano anche un basso rendimento, poiché i tronchetti si bruciano difficilmente. Al contrario, se il pellet si sfalda significa che non ci sono collanti o che questi siano naturali.

Insomma, scegliere il pellet non è un’operazione di poco conto: ne va delle proprie tasche e, soprattutto, della salute della macchina e di chi vive in casa.

Scelto per te

Supporto

L’estate: il periodo migliore per la manutenzione

È ormai giunta l’estate e anche se quest’anno le temperature faticano a decollare, sicuramente non ...

Lascia un commento